IQ AIR

L’aria che respiriamo ha una grande influenza sulle nostre vite. Possiamo sopravvivere per giorni senza mangiare e bere,
ma solo pochi minuti senza aria. La qualità dell’aria che respiriamo è quindi di importanza fondamentale per il nostro benessere. Meno sono gli allergeni, i microrganismi e gli inquinanti chimici che respiriamo, minore sarà la possibilità di contrarre malattie. Le patologie che derivano dall’inquinamento dell’aria possono avere anche conseguenze economiche.
I costi sanitari e la perdita di produttività sul posto di lavoro talvolta possono ammontare a diversi miliardi all’anno.

IQAir offre le soluzioni di depurazione dell’aria più moderne per combattere l’inquinamento negli ambienti confinati.
Le eccellenti prestazioni del sistema hanno portato IQAir ad essere utilizzato a livello mondiale negli ambienti interni più
disparati. Per esempio, i depuratori vengono usati per proteggere i pazienti e lo staff contro gravi infezioni in ambienti
ospedalieri e sanitari con condizioni critiche e per eliminare le sostanze chimiche tossiche nei laboratori ad alta tecnologia.
Le avanzate tecnologie usate da IQAir® sono il risultato di 48 anni di esperienza nel campo della depurazione dell’aria.

INQUINAMENTO DELL’ARIA E SUOI EFFETTI
L’inquinamento dell’aria può influire sulla nostra salute in diversi modi, con effetti sia a breve che a lungo termine. A seconda del gruppo di appartenenza, le persone sono interessate dall’inquinamento dell’aria in modo diverso. Alcune persone sono molto più sensibili agli agenti inquinanti rispetto ad altre. I bambini piccoli, le persone anziane, oppure le persone con problemi di salute come asma, malattie cardiache e polmonari spesso soffrono di più a causa degli effetti dell’inquinamento dell’aria. L’entità dei danni provocati dall’inquinamento indoor dipende dall’esposizione globale dell’individuo a particelle e sostanze chimiche, vale a dire dalla durata dell’esposizione e dalla concentrazione delle sostanze inquinanti.

inquinamento aria

> GUARDA IL CATALOGO

Bookmark the permalink.